Friday, 14 August 2015

Notte prima della partenza

Finalmente sono qui sul mio letto per l'ultima volta.
Finalmente dopo un anno (e anche di più) posso dire che questa è la mia sera in Italia.
Ricordo quando leggevo l'ultimo post italiano degli exchange 2014-2015 e quanto li invidiavo.
Ora sono qui a scriverlo io, sono finalmente un exchange in partenza e molto probabilmente qualche exchange 2016-2017 mi sta leggendo e sta pensando tra quanto sarà la sua notte prima della partenza.
Quest'anno è stato strano, da quando ho preso questa decisione tutto è abbastanza cambiato, c'è stata gente che mi ha detto che non serve a niente fare l'anno (gente mooolto chiusa mentalmente, ne troverete tanta, cari futuri exchange) o che alla fine non tornerò con chissà quale livello di inglese, è più facile fare un corso e ciao. Nulla di questi ostacoli mi ha fermato, anzi, mi ha spronato ancora di più nella realizzazione del mio sogni (cari futuri exchange quest'anno a venire passerà in un batter d'occhio, tra scleri per finire il WEPBOOK, vaccinazioni, esami del sangue, ansia per la hfam e orientation quindi non pensateci troppo e state tranquilli).
Questi ultimi giorni italiani sono stati "un po'" busy... Tra festa a sorpresa (ringrazio i miei amici per avermela fatta, non me l'aspettavo davvero! Alcuni della classe hanno fatto un video dove salutavamo ed è stato stra dolce :'), saluti a parenti, regali per la host family e valigie (un incubo, tra sottovuoto e chili in più non ce la facevo più) l'ultima settimana l'ho vista passare davanti agli occhi senza neppure accorgemene.
Moltissimi oggi mi hanno chiesto via messaggio come mi sento: sarà strano ma ho pochissima  ansia, sono contentissimo di partire; voglio viaggiare, voglio vedere posti nuovi, voglio aprire i miei orizzonti e vivere da scozzese. Molto probabilmente non ho molta paura perché ho sempre sognato di fare questa esperienza (e non me ne rendo ancora conto) e sono sicuro che non mi mancherà questo piccolo paese in mezzo alle montagne che mi è stato stretto sin da quando ero un bambino. Mi mancheranno le polpette di mia nonna dopo scuola?, la porta che cigola sempre?, la mia camera?, il prendere la corriera per andare da qualsiasi parte?, la scuola italiana?, l'Italia?, (il sole?). Vedremo domani.
Finalmente domani incontro la mia hfam, domani sarò in UK, domani (forse) berrò la mia prima cup of tea come un vero britannico.
Con una valigia che scoppia e carica di sogni e grandi speranze Tommaso vi saluta visto che domani mattina partirà per la Scozia, la sua terra dei sogni da quando era bambino.
Ci si vede in Scozia cari lettori!
(Scusate per il post corto pessimo e scritto malissimo ma sono stanchissimo e voglio andare a letto ahah)

PS: dal prossimo post in poi inizierò a scrivere in inglese; molto probabilmente non riuscirò a scrivere un post prima di una settimana perché sarò molto impegnato i primi giorni tra scuola, ultimi acquisti e varie altre cose.

5 comments:

  1. Buona fortuna! Mamma mia che invidia!
    Tienici informati!

    ReplyDelete
    Replies
    1. This comment has been removed by the author.

      Delete
    2. Opss ho letto ora scusa!
      Arriverà IL tuo momento stanne certa ;).

      Delete
    3. Opss ho letto ora scusa!
      Arriverà IL tuo momento stanne certa ;).

      Delete